Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

PIANTE E RIPRISTINO AMBIENTALE

Oggetto:

PLANTS IN RESTORATION ECOLOGY

Oggetto:

Anno accademico 2021/2022

Codice attività didattica
STE0061
Docenti
Prof. Sergio Enrico Favero Longo (Titolare del corso)
Prof. Consolata Siniscalco (Titolare del corso)
Corso di studio
[2102M21] MONITORAGGIO AMBIENTALE, TUTELA E RIPRISTINO
Anno
2° anno
Periodo
Secondo semestre
Tipologia
Caratterizzante
Crediti/Valenza
6
SSD attività didattica
BIO/03 - botanica ambientale e applicata
Erogazione
Mista
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Orale
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

Nel contesto degli obiettivi formativi del Corso di Studi in Monitoraggio Ambientale, Tutela e Ripristino, l’insegnamento si propone di:

  • approfondire la conoscenza delle dinamiche di vegetazione e del suolo, focalizzandosi sulle successioni di tipo regressivo (determinate da condizioni di disturbo di origine naturale o antropica) e secondarie (che seguono spontaneamente la cessazione del disturbo)
  • fornire competenze e capacità inerenti la scelta e il reperimento di specie vegetali idonee agli interventi di ripristino e di ingegneria naturalistica, nonché sulle pratiche per il mantenimento delle comunità grazie ad essi (ri-)costituite
  • introdurre gli studenti e le studentesse ai fondamenti teorici e alle pratiche del fitorisanamento (phytoremediation), nonché all’utilizzo delle piante per un’attività estrattiva sostenibile da terreni ricchi in metalli (phytomining-agromining)
  • fornire elementi di pianificazione, gestione e monitoraggio degli interventi di ripristino ambientale in chiave di servizi ecosistemici offerti dalla componente vegetale

 

The course aims to provide:

  • advanced knowledge on vegetation and soil dynamics, with a main focus on regressive and secondary successions driven by natural or anthropic disturbance
  • skills on the selection of plant species suitable for ecological restoration and engineering.
  • theoretical and practical knowledge on phytoremediation and phytomining

skills for planning, managing and monitoring environmental restoration, and to evaluate the intervention efficacy in terms of vegetation ecosystem services

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Conoscenza e capacità di comprensione

Al termine dell’insegnamento, le studentesse e gli studenti sapranno riconoscere stadi successivi di sviluppo della vegetazione a seguito della cessazione di fattori di disturbo naturali e antropici. Conosceranno inoltre diverse possibilità di utilizzo degli organismi vegetali negli interventi e nel monitoraggio del ripristino ambientale, anche nell’ambito dell’ingegneria naturalistica e del fitorisanamento.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Le basi teoriche fornite con le lezioni frontali saranno combinate con escursioni didattiche dedicate a diversi casi e problematiche di ripristino ambientale, così da guidare gli studenti e le studentesse al riconoscimento sul campo di elementi di criticità, anche operativi, e alla formulazione di possibili soluzioni.

Autonomia di giudizio

L’analisi congiunta delle dinamiche spontanee di (ri-)vegetazione delle aree disturbate e di strategie e tecniche di utilizzo attivo delle piante ai fini del ripristino ecologico consentirà alle studentesse e agli studenti di valutare l’opportunità e le priorità di intervento, sia nella gestione ordinaria del territorio sia in caso di emergenze ambientali.

Abilità comunicative

Gli studenti e le studentesse svilupperanno l’utilizzo della terminologia appropriata relativa alle principali tematiche affrontate nel corso.

At the end of the course, the students will be able to recognize stages of vegetation successions related to different trends of natural and/or anthropogenic disturbance. Moreover, they will be aware of the useful applications  of plants in the context of ecological restoration and monitoring programmes, including ecological engineering and phytoremediation approaches.

Theoretical lessons will be combined with field excursions focused on the different topics of ecological restoration. Students will be guided to identify environmental threats and practical issues, and to produce suitable solution strategies.

The combined knowledge on spontaneous (re-)vegetation dynamics in disturbed areas, and on the use of plants in ecological restoration, will allow the students to evaluate opportunities of intervention and related priority plans, in the ordinary land management as well as in case of environmental emergency.

At the end of the course, the students will be able to use an appropriate technical-scientific terminology with regard to vegetation dynamics and the use of plants in ecological restoration.

Oggetto:

Programma

  • Dinamiche di vegetazione. Metodi di rilevamento della dinamica vegetazionale (fitosociologico, punti sulla linea, biomassa, …) . Adattamento e tolleranza degli organismi vegetali ai fattori di disturbo di origine naturale ed antropica (ad esempio incendio, pascolamento, metalli nel suolo, inquinanti, scavi, cave, piste da sci, instabilità ed erosione dei versanti, frane, disboscamento, impatti del cambiamento climatico e dell’uso del suolo). Rilevanza della colonizzazione vegetale ai fini del ripristino ambientale, con riferimento alle parti epigee ed ipogee.
  • Scelta e reperimento di specie vegetali idonee agli interventi di ripristino e di ingegneria naturalistica. Specie autoctone: caratteristiche favorevoli alla ricolonizzazione e al ripristino ambientale. Problematiche inerenti le specie esotiche. Uso delle specie geneticamente modificate.
  • Fitorisanamento. Utilizzo delle piante nel risanamento di terreni contaminati da metalli pesanti e idrocarburi recalcitranti. Fitoestrazione. Fitostabilizzazione. Fitovolatilizzazione. Fitodegradazione. Rizodegradazione. Rizofiltrazione. Fitodesalinizzazione. Utilizzo delle piante a supporto di tecniche di biorisanamento con microrganismi. Successioni secondarie e processi di bioattenuazione. Phytomining/Agromining. Piante iperaccumulatrici di metalli pesanti. Gli ambienti serpentinitici come modello di studio.
  • Organismi vegetali e servizi ecosistemici. La valutazione della diversità vegetale mediante lo studio dei tratti funzionali: le piante (e i licheni) nel monitoraggio dei ripristini ambientali.

Escursioni dedicate alle successioni secondarie e ad interventi di ripristino ambientale in ambienti di pianura, collinari, montani e/o alpini.

  • Survey methods to analyze vegetation dynamics (phytosociology, biomass, …). Plant adaptation and tolerance to natural and anthopogenic disturbance (e.g., fire, pasturing, soil pollution, quarries, ski slopes, landslides, tree-felling, impacts of climate change and soil usage). Importance of plant colonization patterns for the success of restoration ecology, with focus on the role of epigean and hypogean plant structures.
  • Selection of plant species suitable for ecological restoration and engineering. Traits of autochthon plant species favourable for (re-)colonization dynamics and ecological restoration. Issues dealing with exotic species. The use of genetically modified plants.
  • Use of plants in the remediation of heavy metal- and hydrocarbon-polluted soils. Phytoextraction. Phytostabilization. Phytovolatilization. Phytodegradation. Rhizodegradation. Rhizofiltration. Rhizodesalinization. Use of higher plants to promote microbial bioremediation. Secondary successions and spontaneous bioattenuation. Phytomining/Agromining. Plant hyperacculumators of heavy metals. Serpentine areas as a model case study.
  • Plants and ecosystem services. Biodiversity examined in terms of functional traits: plants (and lichens) as biomonitors of ecological restoration.

Field excursions focused on secondary successions, and interventions of ecological restoration, at different altitudinal levels.

 

Oggetto:

Modalità di insegnamento

L’insegnamento consiste di 40 ore di lezione frontali e 16 ore di esercitazioni, seminari ed escursioni didattiche.

Le lezioni saranno svolte in presenza (fatte salve eventuali nuove restrizioni per l'evolversi della situazione pandemica), accessibili in diretta streaming e rese disponibili come registrazioni. 

Indicazioni operative dettagliate sull'organizzazione delle attività in presenza saranno fornite in prossimità dell'inizio delle lezioni.

Per seguire le lezioni a distanza:

Collegamento alla sala riunioni personale di C. Siniscalco: https://unito.webex.com/meet/consolata.siniscalco

Collegamento alla sala riunioni personale di Sergio E. Favero Longo: https://unito.webex.com/meet/sergio.favero

The course includes 40 hours of theoretical lessons and 16 hours of practical lessons, seminars and field excursions.

The lessons will be in presence (unless new restrictions) and accessible online (streaming on webex). All lessons will be recorded and available on the Moodle platform. 

Details on the practical organization of lessons in presence will be provided in the weeks before their starting.

For streaming lessons:

Link to the personal meeting room of C. Siniscalco: https://unito.webex.com/meet/consolata.siniscalco

Link to the personal meeting room of S. E. Favero Longo: https://unito.webex.com/meet/sergio.favero

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame consiste in un colloquio orale volto a verificare l'avvenuto apprendimento, la padronanza concettuale, la proprietà di linguaggio e la capacità d'interpretazione e di sintesi nel discutere le principali tematiche del corso. La prova si fonda sugli argomenti oggetto delle lezioni, delle esercitazioni e sul materiale didattico fornito. La votazione sarà espressa in trentesimi.

In caso di eventuali disturbi dell'apprendimento, si invitano studenti e studentesse a prendere contatto con i docenti per concordare  modalità d'esame idonee.

In eventuali periodi in cui non risulti possibile svolgere esami in presenza a causa dell'emergenza Covid19, gli esami verranno svolti in modalità telematica (via webex). Nel giorno stesso dell'esame o nei giorni immediatamente precedenti verrà inviato l'invito a collegarsi alla data/ora stabilita per l'appello, per l'identificazione. Quindi i presenti verranno suddivisi in gruppi di due o tre (in modo che sia sempre presente almeno uno studente con funzione di testimone) e verrà stabilito l'orario in cui i gruppi dovranno collegarsi per l'interrogazione che si svolgerà con le modalità sopra descritte per gli esami in presenza.

Oral examination to verify student learning, interpretation capacity, and communicative skills in discussing the topics of the course. In particular, the oral exam will be based on the theoretical and practical lessons, and on the provided didactic material.

Students affected by learning disability are invited to get in touch with the lecturers in order to agree on  an appropriate modality for the examination.

If it will not be possible to carry out in presence exams due to the Covid19 emergency, the exams will be carried out electronically (through webex). On the day of the exam or in the days immediately preceding it, the invitation to connect to the date/time established for the round, for identification, will be sent. Then participants will be divided into groups of two or three (so that at least one student with a witness function is always present) and the time when the groups will have to connect for the exam will be established. Exam will take place as described above for in presence exams.

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

De Antonis L., Molinari V.M. 2003. Interventi di sistemazione del territorio con tecniche di ingegneria naturalistica. Regione Piemonte.

Palmer M.A., Zedler J.B., Falk D.A. 2016. Foundations of Restoration Ecology. Springer.

Perrow M.R., Davy A.J. 2002. Handbook of Ecological Restoration.  Cambridge University Press.

AIPIN. Pubblicazioni varie (www.aipin.it/pubblicazioni).

De Antonis L., Molinari V.M. 2003. Interventi di sistemazione del territorio con tecniche di ingegneria naturalistica. Regione Piemonte.

Palmer M.A., Zedler J.B., Falk D.A. 2016. Foundations of Restoration Ecology. Springer.

Perrow M.R., Davy A.J. 2002. Handbook of Ecological Restoration.  Cambridge University Press.

AIPIN. Pubblicazioni varie (www.aipin.it/pubblicazioni).

 

 

 



Registrazione
  • Chiusa
    Apertura registrazione
    06/02/2021 alle ore 00:00
    Chiusura registrazione
    31/03/2021 alle ore 23:55
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 03/07/2021 15:37
    Location: https://www.monitoraggioambientale.unito.it/robots.html
    Non cliccare qui!